Blog

La ricetta perfetta per arrivare al processo

Condividi suShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Share on TumblrShare on LinkedIn0Email this to someone

ClaudiaGuido_LuciaUVa

 

Tempo di preprarazione: 6 anni
Difficoltà: Praticamente impossibile

 

Ingredienti:
– 1 donna bellissima fatta di dignità e senso della giustizia.
– 1 marito eccezionale, sempre al tuo fianco anche quando non c’è nessun altro
– 3 avvocati bravi e coraggiosi (Fabio Anselmo, Alessandra Pisa e Fabio Ambrosetti)
– 1 grande amica ferrarese che insegni la strada (Patrizia, la mamma di Federico Aldrovandi)
– 1 famiglia di fatto (gli altri familiari di vittime di Stato)
– 1 manciata scarsa di giornalisti onesti
– 1 docu-film (Nei secoli fedele di Adriano Chiarelli)
– 1 senatore attento ai diritti umani
– Diverse trasmissioni televisive
– 1 incontro con il papa
– scorta illimitata di denaro (in caso finisca, rimboccarsi le maniche e trovare altri 2 lavori)
– 6 anni di pazienza
– 1 PM leggermente ostile
– 1 Web Series (Anatomia di un interrogatorio potete vedere qui la prima puntata: http://www.youtube.com/watch?v=tQdaWWgFvi8)
– diversi incontri con altrettante varie cariche politiche
– qualche associazione in supporto

 

Preparazione:
Cerca di non disperare. Non farti mai cogliere impreparata, stai sempre attenta a chi hai intorno. Non disperdere energie a vuoto, ne avrai molto bisogno. Quando nessuno ti crederà, non mollare. Quando sembrerà che nulla si possa ancora fare, non ci cascare. Non cedere alla rabbia e alla desolazione, ricordati che sei sulla strada giusta. Armati della pazienza e della dignità di cui sei provvista, non farti trascinare in basso.
Quando vai a dormire, ricordati che più di quello che hai fatto non avresti potuto fare e che in pochi avrebbero continuato. Forse nessuno.
Sii fiera del tuo non aver paura di niente, quando ti guardi allo specchio sappi che tuo fratello non avrebbe potuto avere una sorella migliore.
Quando dopo 6 anni arrivi finalmente al processo, rilassati e rimani a guardare, perché ce l’hai fatta e ora Giuseppe potrà riposare in pace.

 

2

Discussion

  1. Ares  maggio 21, 2014

    …nella ricetta perfetta ti sei dimenticata dei suoi inseparabili, bellissimi cagnolini

    (reply)
    • claudia  maggio 22, 2014

      Hai ragione e in effetti le danno il sorriso. 🙂

      (reply)

Add a Comment